Equippers Training | Camminare in fede

 

CAMMINARE IN FEDE

Ogni volta che si decide di salire di livello spirituale, di entrare in qualcosa di superiore con il Signore, c’è sempre un gigante da affrontare che c’è sempre stato, ma non gli avevi ancora mai dato fastidio.

Tu puoi avere una casa meravigliosa, ma puoi comunque avere una stanza trascurata.
Tante persone hanno una vita meravigliosa, un Dono di Dio, ma tante volte conservano stanze buie dove a Dio non è stato ancora permesso di entrare.

Ogni volta che vuoi salire di livello, che Dio ti chiede di fare un passo di fede, ti chiede di entrare in una stanza dove non sei mai entrato.

Il progetto di Dio si rivela in un secondo, ma il suo adempimento richiede una vita. Tutto quello che Dio ha in mente per te, te lo da in un secondo, ma l’adempimento richiede un percorso (processo).

[Salmo 119:105] “ La tua parola è una lampada al mio piede

e una luce sul mio sentiero.”

Dio ti guida sempre un passo alla volta (al mio piede), tu non trovi mai un miracolo due volte allo stesso modo, Dio ti chiede una guida passo dopo passo.
Con ogni passo che Dio ti chiederà di fare, ti darà l’autorità di sostenere.
Dio è un Dio di parola, spesso le persone sono abituate a relazionarsi con uomini che non sono di parola.

Ti hanno fatto una promessa, ma a te tocca il processo!

Dio ti ha dato la sua parola così passo dopo passo puoi raggiungere il progetto che Lui ha per la tua vita. Il potenziale è già in te ma è confuso, in piccoli pezzettini.
Dio ti vede già completo, sei già potenzialmente tutto quello che Lui dice di te.

[Romani 4:16-22] “Perciò l’eredità è per fede, affinché sia per grazia, in modo che la promessa sia sicura per tutta la discendenza: non soltanto per quella che è sotto la legge, ma anche per quella che discende dalla fede di Abraamo. Egli è padre di noi tutti 17 (com’è scritto: «Io ti ho costituito padre di molte nazioni»[f]) davanti a colui nel quale credette, Dio, che fa rivivere i morti e chiama all’esistenza le cose che non sono. 18 Egli, sperando contro speranza, credette, per diventare padre di molte nazioni, secondo quello che gli era stato detto: «Così sarà la tua discendenza»[g]. 19 Senza venir meno nella fede, egli vide[h] che il suo corpo era svigorito[i] (aveva quasi cent’anni) e che Sara non era più in grado di essere madre[j]; 20 però, davanti alla promessa di Dio non vacillò per incredulità, ma fu fortificato nella fede e diede gloria a Dio, 21 pienamente convinto che quanto egli ha promesso, è anche in grado di compierlo. 22 Perciò gli fu messo in conto come giustizia.”

Fede: è obbedienza cieca alle cose naturali passo dopo passo a Dio in tutto ciò che ti chiede di fare, camminare per quello che Dio dice e non per quello che tu vedi.

Dio fino ad oggi non ha mai chiamato una cosa che è, chiama sempre le cose che non sono. Dio crea due volte, prima nella sua mente e poi la chiama al visibile. Quando parla di te parla di quello che vede nella Sua mente, Dio parla in accordo al Suo progetto.

Devi afferrare il processo per fede per afferrare la sfida della promessa di Dio.

La fede si poggia sempre sulla parola, non puoi fondare la fede sull’emozione.
Se tu basi la fede sul sentimento, sarà sempre instabile. Quando Dio dice una cosa non è che la farà, lo dice perché l’ha già vista (nell’invisibile) e tu per fede prendi l’invisibile e sfidi l’impossibile.

Il processo non è il quadro generale, quello che stai vivendo non è niente, non prenderà Dio di sorpresa, quello che tu stai vivendo è temporale, quello che DIO sta dicendo è per sempre. (differenza fede e fede e grazia)

La fede dice: se tu lo credi, lo dici, lo fai tuoi Dio lo farà per te
Fede + grazia: Dio lo ha già fatto per te non perchè tu sei brava ma perché Lui è buono (l’ha fatto nell’invisibile) i pezzettini sono a tua disposizione e per fede li metti insieme, perché credi nella parola e nel progetto di Dio. La peggior cosa che puoi fare è scoraggiarti, se non ti scoraggi non puoi perdere.

Noi abitiamo nel tempo, ma il tempo non è stata mai la perfetta volontà di Dio perché il tempo ha un limite, Dio non ha creato l’uomo per essere limitato dal tempo ma per essere eterno, infatti il primo uomo ha dovuto imparare a pensare da peccatore. Noi essendo stati riscattati dal peccato, ancora pensiamo da peccatori.

Il tempo è un limite, ma Dio non è nel tempo. Dio ti parla nel tempo, non cambia la Sua posizione, quello che Lui vede è eterno e ti cerca nell’eternità, nella Sua abbondanza e completezza.
La parola di Dio neutralizza il potere del tempo.

NOI SIAMO PiU’ CHE VINCITORI
Il più che vincitore è quello che ha il premio senza aver dovuto combattere.
Tu non devi costruire il progetto, tu lo devi solo scoprire perché l’ho già fatto io!

Dio non ti vuole dare qualcosa, Dio ti ha già dato tutto. Dio vuole muovere te affinché ti avvicini alla sua eredità.

Tu non puoi avere quello che Dio ti vuole dare per fede se lo vuoi avere per vista.

page2image23256page2image23416

[Genesi 1:2-4] “La terra era informe e vuota, le tenebre coprivano la faccia dell’abisso e lo Spirito di Dio aleggiava sulla superficie delle acque.
3 Dio disse: «Sia luce!» E luce fu. 4 Dio vide che la luce era buona; e Dio separò la luce dalle tenebre. 5 Dio chiamò la luce «giorno» e le tenebre «notte». Fu sera, poi fu mattina: primo giorno.”

Lo spirito di Dio è presente sempre, ma non è all’opera sempre. Certa gente vuole prima vedere e poi dire. La luce è sinonimo di verità, ordine, camminare dove Dio vuole che cammini, volontà di DIo.

Se tu cammini per ciò che vedi, non avrai mai ciò che Dio ti ha promesso, perché le circostanze, in modo particolare in questo mondo caduto, sono ribelli alla volontà di Dio. I tuoi pensieri che sono stati ribelli per una vita, non diranno amen al progetto di Dio.

Se tu vivrai per ciò che vedi ti scoraggerai e non ti muoverai.

Tante volte il Signore mi rivela qualcosa e mi dice è tua, ma io ancora non ce l’ho, ma avendo esperienza con Dio ne ho già la gioia, perché ho capito il Suo carattere, è di parola. Nel momento in cui l’ha detto è perché l ha visto!
La nostra mancanza di fede è perché non abbiamo ancora compreso la grazia, non c’è niente che Lui non può fare o non ti può dare.

Un uomo di fede non accetta ciò che vede, sfida ciò che vede (con il sorriso)!

Quando tu abbracci la parola di Dio per la tua vita, hai un occhio spirituale che vede cose che altri non vedono.
Non sei strano tu che hai gioia anche se non hai l’evidenza, è strano chi va in chiesa da 20 anni e non ha gioia avendo lo stesso Dio.

Incredulità: non è non credere, è credere le cose sbagliate. È qualcosa che ti allontana dal vero credo. Anche tu puoi vacillare e perdere qualcosa perché stai guardando nel lato sbagliato.

Ogni mancanza di fede è mancanza di fede nel sacrificio di Gesù, è dire Dio forse non sei un Dio di parola.

La fede non ti garantisce sempre risultato nel presente, ma Dio ti garantisce qualcosa nell’eternità.

Cosa devi fare quando Dio ti da una parola, quando vuoi cambiare le tue circostanze?
• Dai SEMPRE lode a Dio (rendere grazie a Dio in ogni circostanza), Abraamo fu fortificato nella fede DANDO gloria A Dio.

[1corinzi 2:9-10] “ Ma com’è scritto: «Le cose che occhio non vide, e che orecchio non udì, e che mai salirono nel cuore dell’uomo sono quelle che Dio ha preparate per coloro che lo amano»[b]. 10 A noi Dio le ha rivelate per mezzo dello Spirito[c], perché lo Spirito scruta ogni cosa, anche le profondità di Dio.”

Dio le ha già preparate, il tuo occhio non è necessariamente veritiero, Dio ti dice una cosa ma se non la vedi non significa che non stia succedendo, ma stai entrando dove non sei mai entrato.

Un figlio di Dio che si muove per fede non è una persona he non avrà prove, stanze buie, difficoltà, ma sarà una persona che avrà sempre l’ingrediente celeste per superare le difficoltà.

Dio dall’eternità, si affaccia nello spazio-tempo, lo invade con una parola, la parola di Dio fa breccia nel tempo ma non ne è limitata, è solo limitata per coloro che non l’abbracciano, ma quando viene pronunciata ma non torna mai a vuoto senza aver compiuto ciò per cui era stata mandata.

Il tempo e le azioni devono piegarsi alla parola, perché provengono dal peccato. La parola di Dio non la devi combattere, ma legartela attorno perché è lei che ti estrapolerà dalle circostanze e ti renderà migliore perché Dio è con te e dentro di te.

Abramo ha provato ad aiutare Dio, perché vedevano in accordo al loro tempo Quando Dio ti ha fatto una promessa tu puoi ridere in faccia alle circostanze, tu non dipendi dal tempo, dipendi dall’eternità.

La grazia è la mossa di Dio, la fede è la tua mossa Le profondità di Dio sono nell’eternità.

La mancanza, Lui l’ha cambiata in abbondanza La Sua parola ti da autorità

 

 

Posted on 3 ottobre 2018 in training

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: